Non ci crederete, ma c’è voluto un processo per dire che questo divieto è stupido

Ogni singola volta che, su Facebook, Twitter, Instagram, via email, commentando in un blog e così via, segnalate una pagina di qualsiasi sito che NON sia la sua “home” (per esempio se postate un articolo di Repubblica anziché il suo indirizzo di base www.repubblica.it), avete creato un cosiddetto “link profondo”, in inglese “deep linking”. E meno male che si può fare, altrimenti Continue reading

Condividi

Sono davvero un darwinista digitale?

Una ventina di mesi fa ho scritto due pezzi, a pochi giorni l’uno dall’altro. Nel primo c’è il mio sconforto per la scuola che non sa nemmeno i link. Nell’altro suggerivo che, visto che non avevano causato la fine del mondo come tanti temevano, dopo il passaggio alle iscrizioni online potremmo spegnere tutto il resto: cioè, semplificando chiudere, subito e senza troppi patemi d’animo, (quasi tutti) gli sportelli di tante pubbliche amministrazioni, ospedali inclusi, sostituendoli con procedure via Internet. Continue reading

Condividi

Di chi è il merito di meno morti sulle strade?

Qualche giorno fa è arrivato un annuncio trionfale sui progressi evidenti nella sicurezza stradale in Italia:

“Nel 2001 erano 7.096 le vittime degli incidenti; sono passate a 3.400 nel 2013. E negli ultimi 12 mesi si registrano 150 morti in meno rispetto ai 12 mesi precedenti… Il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, parla di “dati straordinari”… Anche il ministro dei Lavori pubblici e dei Trasporti, Maurizio Lupi, elogia l’azione italiana per rendere le strade più sicure. Siamo – dice – un modello in Europa, grazie anche all’eccellente lavoro delle forze dell’ordine.”.

Sono sicuro che Polizia Stradale e gli altri organismi interessati stiano lavorando al meglio e concordo con Alfano quando dice, più o meno, che anche se avessero salvato una sola vita il loro sforzo sarebbe stato giustificato e che vanno ringraziati per questo. Però è opportuno citare anche gli altri che hanno contribuito a renderci “un modello in Europa”, cioè… Continue reading

Condividi

62mila Euro per scaricare Wikihouse? Dateli a me piuttosto

wikihouse-62000dollari Il sito Web di Repubblica non è certo nuovo a svarioni notevoli, traduzioni fantasiose e altri esempi di giornalismo non proprio eccelso. Oggi ha replicato con due errori in 26 parole, che fanno confusione su alcuni temi potenzialmente cruciali per l’Italia dei prossimi anni. Continue reading

Condividi