All Posts

Scuola, Open Data, Privacy e spam, quanta confusione

Scuola in Chiaro è una iniziativa del Ministero dell’Istruzione (MIUR) per pubblicare online dati delle singole istituzioni scolastiche, al fine di facilitare a studenti e famiglie la scelta della scuola. Prima ancora che partisse io criticai il fatto che SEMBRAVA non essere aperta a sufficienza, ma quasi subito il MIUR disse ufficialmente che quei dati sarebbero stati Open Data, che in tutto il mondo significa precisamente “dati riutilizzabili da chiunque, per qualsiasi scopo” (per saperne di più, leggete qui).

Con la scuola "Mi Gioco il Mio Futuro". Datemi i dati per sceglierla bene

Con la scuola "Mi Gioco il Mio Futuro". Datemi i dati per sceglierla bene /img/mi_gioco_il_mio_futuro.png

Il 9 ottobre 2012 ho visitato Hack4School, un workshop/concorso del MIUR per studenti. Com’è andata l’ho già raccontato, tranne una cosa. Quel pomeriggio sono capitato per caso al tavolo di Arianna e Francesco che, lavorando sul mio laptop e con il mio supporto (morale, il lavoro è loro!), hanno messo insieme da soli la proposta che poi ha conquistato il terzo posto, chiamata “Mi gioco il mio futuro”. Ecco come e perché è nata.

Scuola, Provincia di Roma e Governo che non si parlano provano l'importanza dei dati aperti

La Provincia di Roma ha realizzato una guida per l’orientamento alla scuola media superiore. L’obiettivo, spiega l’Assessore alle Politiche Scolastiche della Provincia Paola Rita Stella è:

Domanda a Repubblica, Espresso e tutti i giornalisti: sapete che significa Open Data?

Ci risiamo: il gruppo Repubblica/L’Espresso (o almeno un suo giornalista, visto che è lo stesso in entrambi i casi) da’ una definizione sbagliata, riduttiva, di uno dei modi più promettenti di praticare democrazia, cittadinanza attiva e sviluppo sostenibile tramite le tecnologie digitali: l’uso dei Dati Aperti, in inglese Open Data.

Scuola in Chiaro non è (per ora) Open Data. Ed è pure monca

Appena ho saputo della nuova iniziativa del MIUR chiamata Scuola in Chiaro, cioè ancora prima che andasse online, ho scritto una lettera aperta al Ministro Profumo perchè permettesse a tutti di utilizzare i relativi dati per fornire vari servizi molto utili a tutte le famiglie italiane. Il 12 gennaio 2011 Scuola in Chiaro ha aperto i battenti e ho scoperto alcune cose interessanti.