Pure i Cinque Stelle si son fatti fregare da Facebook

 

Quasi due anni fa scrivevo di quanto sia malposta certa fiducia in molti “nativi digitali” o comunque “utenti esperti di Internet”, citando “quelle tante brave persone che predicano (e praticano!) dalla mattina alla sera cittadinanza attiva, autodeterminazione e via dicendo…

ma si fanno venire una crisi isterica se appena ti  azzardi a suggerirgli che agire in proposito fuori da Facebook e posti del genere sarebbe sia più coerente sia più efficiente”. E oggi che ti leggo? Che uno studio

Pure i Cinque Stelle si son fatti fregare da Facebook /img/m5s-dentro-fb.png

“rivela come l’utilizzo da parte degli attivisti del Movimento 5 Stelle della piattaforma MeetUp.com sia scemato, fino a diventare marginale, nel corso degli ultimi anni” e che questo abbandono è avvenuto.. anche perché in Italia è arrivato Facebook. Insomma, pure i Cinque Stelle son finiti nel gregge chiuso in un recinto ben gestito di cui parlavo anni fa.

Il che è un problema, non tanto per i Cinque Stelle ma in generale, perchè MeetUp.com e Facebook non sono affatto psicologicamente e quindi politicamente equivalenti. Il perchè lo spiega l’articolo già citato, quindi cito solo i punti essenziali:

  • gli strumenti di MeetUp tendono a promuovere la discussione, la condivisione di documenti e l’organizzazione di incontri; soprattutto, spingono alla ricerca di partecipanti motivati
  • Facebook, invece, promuove un’organizzazione verticale (alla faccia di #unovaleuno, NdR) basata sulla popolarità, molto diversa da [quella dei MeetUp], dove il valore aggiunto era la capacità di organizzare e motivare
  • Il risultato sarebbe che “la comunicazione è divenuta più determinate dei contenuti [e] le persone più popolari su Facebook sono diventate le più influenti politicamente”

Insomma, la forza politica più basata “sulla Rete” in realtà si è autoimprigionata per lavorare in uno degli angoletti della Rete stessa più sorvegliati e più “schermati” da quello che succede di fuori, nella rete e nel mondo veri? L’avevo già sospettato nel 2013, guardando la presenza dei parlamentari Cinque Stelle su Internet, ma vederlo per così dire certificato non è una consolazione. Anche perchè le altre, di “forze”, nemmeno a quel livello sono arrivate. Mah. è anche per cose come questa che io continuo a pensare che di percloud ce n’è tanto bisogno. Chi può farla, si accomodi.

Commenting system (still under test!!!)