All Posts

Linux e disabili, un rapporto ancora difficile?

Una decina d’anni fa si spingeva molto sul fatto che OpenDocument, Linux e in generale software libero e standard aperti lederebbero i diritti dei disabili.

Facebook favorisce i "Nazisti dei Commenti"

_(english disclaimer at the bottom) Questa è una mia traduzione di una mia sintesi del post di Lauren Weinstein New Facebook Feature Empowers the Dangerous “Comment Nazis”, fatta con la sua autorizzazione. L’ho fatta perchè, anche se molti Italiani non conoscono bene l’Inglese siamo comunque ultimi su Internet, primi su Facebook e abbiamo politici (da ambo le parti…) a cui Internet non piace poi tanto. Quindi mi sembra importante che più utenti Italiani di Facebook possibile riflettano su quanto denuncia Weinstein. Sotto coi commenti!_

Certificati di vaccinazione computer per navigare su Internet? Stiamo scherzando?

L’impegno con cui certe aziende provano a far passare i guai creati dai loro prodotti e metodi come problemi assolutamente generali di cui loro non hanno alcuna colpa, che dovrebbero essere risolti da qualcun altro con denaro pubblico, è impressionante.

Privacy online: occhio ai forum (e a tutto il resto)

I due paragrafi che seguono sono una brevissima sintesi dell’articolo Scrapers dig deep for data on the Web (“i copiatori del Web scavano in profondità per trovare dati”) appena uscito sull’edizione online del Wall Street Journal:

Censura online: Internet come i fumetti?

Rimettendo in ordine il disco rigido ho ritrovato una lettera che avevo scritto ad aprile 2001 a proposito di una proposta di legge di quell’anno sull’editoria elettronica. Visto che, quasi nove anni dopo, stiamo ancora a parlare delle stesse cose,

Perchè non firmerò la petizione "Internet per la democrazia"

La petizione online della settimana è quella chiamata “Internet per la democrazia. Chiudiamo il parlamento europeo. Ora!. Io non la firmerò e consiglio a tutti di fare lo stesso. Suggerisco comunque di dargli un’occhiata, perchè tocca temi molto generali su cui dovremmo tutti riflettere un po’.