Se vi negano il mutuo perché state su Facebook...

 

I punti che seguono sono un riassunto di un articolo in inglese appena uscito intitolato “Fra poco, se vi rifiuteranno un prestito potreste ringraziare la raccolta di dati online”:

  • l’uso dei dati raccolti dalle nostre attività sui social network non è quasi per niente regolamentato (e se pensate che questo vale per gli USA, e la situazione in Europa sia molto diversa, in pratica, ripensateci)
  • i dati raccolti vengono spesso utilizzati per riconoscere gli utenti più a rischio per i fornitori di servizi come assicurazioni sanitarie e non, vacanze e prestiti di ogni tipo, dal mutuo alle rate del frigorifero
  • e il risultato è che quei clienti vengono discriminati senza nemmeno rendersene conto, quando cercano qualcosa online

Esempio pratico (mio, non dall’articolo): tecnicamente, se per risparmiare tempo e denaro cercate un biglietto aereo scontato su Internet, il sito di biglietteria potrebbe benissimo chiedere a Facebook quali amici avete e controllare dai server delle loro banche quanti di loro sono in rosso. E a quel punto farvi pagare un pochino di più, perché se conosci certa gentaccia sarai a rischio pure tu e loro si devono tutelare, no? Nulla di nuovo, è da almeno un anno e mezzo che ci stanno provando.

Tutto automaticamente, in mezzo secondo, dietro le quinte. E tutto grazie al fatto che oggi tutte le “amicizie” e comunicazioni online sono centralizzate in pochi grossi servizi come Gmail, Facebook, Dropbox, Flickr eccetera, rendendo raccolta e analisi dei dati facilissime.

Cosa che, invece, non succederebbe se si riuscisse a realizzare questa alternativa. Tocca a voi, ora.

Stop a Zona-M   Never miss a story: follow me on Twitter (@mfioretti_en), or via RSS