Quanto guadagnano gli enti locali e perché dobbiamo saperlo

 

Vi riassumo i punti fondamentali di un articolo di quasi tre anni fa, per ricordare quanto è importante sia pretendere che gli enti locali pubblichino come si deve certi dati, sia usarli e farli usare, a partire dalle scuole.

  • Gli stipendi degli amministratori sono salati mentre i risultati degli investimenti deludono. Soprattutto nel Sud

    • Il guaio è che proprio in quelle aree il prodotto interno lordo pro capite è scarso e la disoccupazione galoppa

    • In controtendenza totale rispetto alle altre regioni europee, in Italia se la macchina amministrativa è più cara i risultati sul territorio sono più scarsi

    • ci sono anche Regioni dove gli amministratori lavorano con buoni risultati e sono foraggiati molto meno: vuol dire che si può fare

Ovviamente la situazione è molto più complessa di quanto potrebbe sembrare da queste quattro frasi, ma su una cosa non ci sono dubbi. L’autore stesso spiega che i dati sui compensi per arrivare a queste conclusioni sono (o erano nel 2011) approssimati non per colpa sua ma per “l’impossibilità materiale di avere tutte le voci necessarie a stabilire il costo reale”. Cioè perché ci sono pubbliche Amministrazioni che ancora NON ci vogliono dire nella maniera giusta quanto ci costano i loro dirigenti e/o loro in generale. Non basta certo, ma senza quelle informazioni corrette si può concludere ben poco. E la maniera giusta è il metodo normalmente chiamato Open Data.

Stop a Zona-M   Never miss a story: follow me on Twitter (@mfioretti_en), or via RSS