Perché il Movimento 5 Stelle non parla quasi mai di Open Data?

 

(Se non sapete già che significa Open Data, leggetevi questa defnizione corta corta semplice semplice e poi tornate qui)

Open Data è un fattore molto potente di trasparenza della Pubblica Amministrazione, risparmio di soldi pubblici, pari opportunità e sviluppo economico. Sapendo questo, viene spontaneo pensare che tutto il Movimento 5 Stelle dovrebbe sapere a memoria di che si tratta, citarli nel programma ufficiale, discuterne e proporli tutti i giorni a tutti i livelli; o come minimo farne e parlarne comunque più dei partiti (che è facilissimo, perché loro non ne parlano e fanno mai o quasi, a cominciare dai loro bilanci).

Invece, niente o quasi. A oggi, nel programma ufficiale il termine manca. Cercando “open data” e M5s su Google, nelle prime tre pagine ho trovato soltanto: * Empoli: copia di un comunicato su dati.toscana.it di Internet Bene Comune * Nogara: intervento La trasparenza prima di tutto di Mirco Moreschi (bravo!) * Lucca: Discussione su OpenMunicipio (interessante, vedi sotto) * Polignano a Mare: richiesta Giuseppe L’Abbate di fare come a Firenze e adottare (bravo!) Open Bilancio: un “Mi piace”, nessun commento * Roma: Proposta Smart Open Data per Roma Capitale. Preparata con Vincenzo Patruno che queste cose le sa, eccome. Ma ha ottenuto solo 3 commenti, l’ultimo dei quali (40 giorni fa) riassumibile con “se ne sta ancora parlando?” * Sicilia: Creazione di Portale Regionale Siciliano Open Data e Open Government Data “non ammessa! Mancato raggiungimento del quorum di 20%” * Cercando “open data” su beppegrillo.it viene fuori una proposta di usare Ushahidi (1 voto)

Il caso di Lucca è importante perché lì almeno risulta che una qualche discussione esplicita c’è stata anche se (dai commenti in quella pagina!) pare che la base 5 Stelle Lucca avrebbe bocciato OpenMunicipio per notevole mancanza di comprensione, deducibile da commenti come “trasparenza a 12.000 euro l’anno quando basta un semplice impiegato del comune che aggiorna il sito?

Parlo di mancanza di comprensione prima di tutto perchè un impiegato costa sicuramente ben più di 12.000 Euro l’anno, quindi andrebbe utilizzato solo per cose che i computer da soli non possono fare. Poi perché credere che quello che fa OpenMunicipio sia paragonabile a “aggiornare (manualmente) un sito” è quasi come dire che la foto di una Ferrari è come avere quella Ferrari. Se non sapete cos’è Openmunicipio partite da qui, ma per capire che il paragone proprio non regge basterebbero i commenti in quella stessa pagina di Dadolino e di SupeKar:

Openmunicipio.it è decisamente uno strumento esponenzialmente superiore allo streaming che non permette di fare nessuna analisi oltre ad essere noioso. Lo streaming non se lo vedrà nessuno, un’altra spesa inutile

che cito perché sostanzialmente identico a quanto avevo detto su Twitter, finora senza alcuna risposta, a proposito dello streaming della presentazione di Pizzarotti del bilancio di Parma: io non penso che lo streaming sia inutile, ma di sicuro se non dai anche strumenti standard di analisi automatica dei numeri fa proprio poco.

Insomma, davvero il Movimento 5 Stelle non sa niente o quasi degli Open Data? Se è così, cominciate da qui, ma perché non lo sapete? Se mi sbaglio, fatemelo sapere nei commenti, grazie.

Stop a Zona-M   Never miss a story: follow me on Twitter (@mfioretti_en), or via RSS