Cosa dicevo sulla banda larga flat nel 2002

 

Più per interesse storico che altro: un giorno del 2002 (ovvero prima, almeno come fenomeni di massa in Italia, di social network, YouTube, smartphone, internet mobile e via dicendo) una mia osservazione basata su “quando le tariffe per megabyte saranno la norma”, causò la seguente indignata reazione:

Ma sei fuori di testa? Gia siamo indietro di molti anni rispetto gli altri paesi con internet, fai anche pagare a Mb.

Io risposi così:

un’occhiata agli ultimi due anni di NASDAQ dovrebbe bastare per capire che in molti casi sono gli altri ad aver venduto fumo per voler fare tutto di corsa e per primi, e non dovremmo necessariamente ripeterne tutti gli errori.

A parte questo, che IO approvi per i motivi già spiegati il pagamento a byte è IRRILEVANTE. Quelli “più avanti di noi” ci stanno già arrivando, e sono tutti d’accordo nel farlo (a prescindere dalle menate che dicono in pubblicità), per ragioni puramente tecniche ed economiche assai diverse dalle mie.

Chi usufruisce maggiormente di una qualsiasi risorsa condivisa e limitata deve pagare in proporzione. Se su Internet si e’ partiti con le flat è perché inizialmente ha preso tutti di sorpresa e ora con la crisi tutti DEVONO assolutamente trovare nuovi clienti per sopravvivere nel breve periodo, tutto qui. Lo dicono gli economisti e i consigli di amministrazione, a cui non frega niente dei miei criteri estetici, o della democrazia se è per questo.

Lo dicono perché è l’unico modo di mantenere un livello di servizio decente massimizzando i profitti. Esattamente come avviene:

  • in aereo: più KG di bagaglio, più paghi

  • al telefono: più minuti di uso del circuito, più paghi

  • alla posta: più pesa la raccomandata, più paghi

  • eccetera…

Non farti sviare dal fatto che la TV è “flat” ma piena di effetti speciali costosissimi. Quello è un servizio passivo, pagato dagli sponsor proprio perché è passivo, cioè perché sono sicuri che i loro soldi portino le LORO informazioni, non le tue.

Non c’e’ problema se abbiamo due visioni diverse di Internet, [però sulle] ragioni economiche del pagamento a byte) c’è poco da combattere. Alla fine ti faranno gli sconti sui byte come ora li fanno sui minuti di telefonata, ma non illuderti di avere ancora tariffe (completamente) flat sui byte tra qualche anno.

Stop a Zona-M   Never miss a story: follow me on Twitter (@mfioretti_en), or via RSS