Perché venire al Linux Day? Ve lo spiega una mamma!

English  

Il 24 ottobre verrà celebrato in tutta Italia il Linux Day 2009. Potrebbe sembrare una cosa riservata ai maniaci dell’informatica, ma non è affatto così.

L’anno scorso Serena, una mamma di Padova, ha partecipato all’angolo per famiglie del Linux Day di Padova. Oggi il suo consiglio a tutti i genitori e insegnanti italiani è:

_Nell’“angolo dei bambini” del Linux Day di Padova i cartoni animati non si guardano, SI FANNO. ANDATECI CON TUTTA LA FAMIGLIA!_

_L’anno scorso i bambini sono stati incredibili e la Raffaella (Traniello, ndr) grandiosa! Gli ha piazzato una videocamera e gli ha dato un computer. Usando software libero, e solo grazie a quello, hanno disegnato,ritagliato, con i ritagli e altri oggetti hanno costruito storie e poi con la videocamera e il computer facevano animazione. All’inizio erano intimiditi, poi hanno capito che non dovevano assistere a qualcosa, ma che potevano prendere, toccare, manipolare e … fare i cartoni animati! Ci hanno messo un attimo a capire il funzionamento del programma, si sono organizzati: tu sposti quel pezzo, io quello, tu schiacci il bottone, tu sposti il mouse… poi sono spariti… tutti fuori in cortile a giocare a nascondino!_

Al di là di questa particolare applicazione, Serena consiglia il Linux Day a tutti i genitori e insegnanti che “vorrebbero trovare nuove via di comunicazione con un figlio adolescente o sono stufi di occhi sbarrati e inespressivi che fissano schermi pieni di battaglie tra vermi e di orecchie che sembrano sorde ad ogni suono che non assomigli a chattare, messaggiare, scaricare…”

perché, secondo la sua esperienza:

troppo spesso pensiamo che a livello educativo il computer sia solo un “problema da gestire” per limitare i danni che può causare ai nostri figli. In realtà il problema siamo noi. Il computer è una macchina. E neanche troppo complessa. Non servono studi specifici, basta un po’ di logica e di volontà per fare in modo che il computer diventi un tuo alleato!

Secondo me è FONDAMENTALE che la gente conosca e passi a Linux. I ragazzini di oggi vivono di e nel computer, quindi è anche da lì che bisogna partire per la loro educazione. Se io genitore ho il dovere di educare mio figlio inculcandogli concetti di parità, tolleranza, convivenza civile, senso civico, disponibilità verso gli altri, altruismo, LIBERTA’, autonomia di pensiero, ecc. ecc. posso benissimo usare come mezzo il computer, anzi LINUX, che grazie alla comunità e alla filosofia che ha dietro può essere un ottimo “metodo educativo”.

Non solo scuola o cartoni animati

Serena ha spiegato benissimo perché capire il vero ruolo dell’informatica nella nostra vita è un dovere che tutti i genitori e insegnanti hanno verso i loro figli e studenti.

Però il valore del software libero come strumento educativo a casa o a scuola non è l’unico motivo per scoprire questo mondo. Il 24 ottobre ci saranno tanti altri momenti nei Linux Day di tutta Italia utili e interessanti anche per chi non è interessato alla programmazione. A Palermo, ad esempio, si parlerà anche di videogiochi, radio via Internet e uso dei computer come videoregistratori digitali. A Sommacampagna, invece, l’Officina OS3 spiegherà come usare software libero per salvare dalle discariche montagne di computer ancora funzionanti. Potete trovare altre iniziative come queste sia nei commenti a questo articolo sia nel programma del Linux Day nella città più vicina a voi. Il Linux Day ha qualcosa di interessante per tutti. Scoprire cosa dipende solo da voi.

Commenting system (still under test!!!)


Puoi anche: