Cinque anni e mezzo fa, chiedevo “scusate tanto, ma se, dentro alle PA e non solo, ICT significa organizzazione…“

Dirigenti pubblici bocciati in informatica? /img/sprechi-appalti-pubblici-software.jpg

deve proprio averli, l’ICT, dirigenti e interi uffici parte? In particolare, scrivevo:

“L’ICT, dicono, sostituisce carta, faldoni, penne, registri, timbri… Tutta roba che, giustamente, non aveva gestori separati. Che io sappia, nemmeno la PA italiana, che di posti di lavoro inutili ne ha sempre creati tanti (inclusi certi ministri), ha mai osato avere veri e propri “Uffici per la Gestione dei Sistemi di Cancelleria”… Oggi, invece, l’esistenza stessa degli uffici di Gestione dei Sistemi Informativi è ancora troppo spesso una scusa per tutti gli altri dirigenti”

Per retroscena e dettagli, andate al pezzo originale. Qui dico solo che mi è tornato in mente oggi leggendo, a proposito di sprechi negli appalti pubblici per software e servizi digitali, che:

“La cosa più desolante è la completa mancanza di competenze specifiche dei dirigenti in materia di informatica… Ed è pazzesco perché il Parlamento prevedeva di introdurre le competenze sin dal 1993: in 25 anni le pubbliche amministrazioni non hanno fatto i piano di assunzioni, col risultato che ora gente con scarso know how si ritrova a gestire budget milionari”.

Fate voi. A quanto avevo scritto nel 2012, io aggiungo solo che questo è uno dei tanti casi in cui più Open Data veri, regolarmente aggiornati, farebbero più di mille corsi di formazione.

PS: l’immagine è solo una schermata dei primi risultati di Google Immagini, cercando “sprechi appalti pubblici software”. Anche qui, fate voi.