Ridurre i rifiuti oggi, a Natale e anche dopo

Quella dal 21 al 29 novembre 2009 è la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti. Lo scopo di una manifestazione del genere è ovvio, basta pensare a Napoli e a tante altre altre città italiane che corrono lo stesso rischio: è inutile discutere di riciclaggio o inceneritori se prima non si riduce il più possibile la quantità di spazzatura da smaltire.

Oggi ogni Italiano produce circa 500 Kg di spazzatura l’anno: se fosse densa come l’acqua, farebbe pi o meno una cabina telefonica di rifiuti *a testa. Ma cosa pu fare una persona normale per impedire che le strade sotto casa sua si riempiano di spazzatura? Parecchio, se guarda nella direzione giusta.

Mangiare di meno

In quella mezza tonnellata di spazzatura personale ci sono mediamente 27 chili di cibo. Questo, in soldoni, significa che ogni famiglia italiana butta ogni anno nella sua pattumiera 515 euro. Trasformarli in compost sarebbe un’ottima cosa ma è roba “da ricchi”, cioè praticabile solo da chi ha sia lo spazio per una compostiera sia un giardino in cui usare tutto quel compost. Il primo e più facile sistema per ridurre i rifiuti quindi mangiare poco, che ci si guadagna comunque in salute, è non comprare mai più di quanto effettivamente si mangia.

Comprare cibo, non contenitori

Andate in cucina, aprite il frigo e la credenza e chiedetevi: quanto di quello che vedo è plastica, carta o cartone che dovrò buttare? Evitare il cibo che è più contenitore che contenuti è sempre più facile: oggi si possono comprare sfusi, anche in molte città, latte (vedi mappa dei distributori), pasta, riso, legumi e altri cibi.

Vogliamo parlare di saponi e detersivi? Quelli sono un'altra fonte inesauribile di bottiglie da buttare, però oggi anche i detersivi si possono comprare alla spina, in vari supermercati: se quello sotto casa vostra non si è ancora adeguato, fategli leggere questo articolo e chiedetegli cosa aspettano!

Attenti al Natale

La Settimana per la Riduzione dei Rifiuti capita un mese prima di Natale: l'avranno fatto apposta? Credo di sì, perché a Natale è facilissimo produrre parecchi rifiuti più del solito. Perciò a Natale, oltre a non abbuffarvi, ricordatevi di apparecchiare come si deve: se proprio servono piatti di carta, che almeno siano biodegradabili. Ma soprattutto, occhio ai regali di Natale:

  • fatene meno possibile e solo se verranno effettivamente usati da chi li riceve
  • abbasso le scatole che pesano più dei regali! A parità di altre condizioni, scegliete sempre il regalo nella scatola più compatta, leggera e riciclabile
  • usate meno carta da regalo, coccarde e nastrini possibile, visto che finiranno subito nella spazzatura
  • evitate se possibile i regali per cui servono batterie non ricaricabili

Note finali:

  • l'autore non ha alcun rapporto con le aziende menzionate nell'articolo, che ha scelto a caso come esempi di quanto facile per tutti produrre meno rifiuti